Viale Mazzini 114-A, Roma
supporto@psicologiassociatiroma.it
(+39) 329-6084127
Close

(+39) 329-6084127

supporto@psicologiassociatiroma.it

È giunto il momento di chiedere l’aiuto di uno psicologo?

Forse la tua vita non sta andando esattamente come vorresti. Forse attraversi un periodo di smarrimento, di angoscia, o di paura per il futuro. Se non fosse così, non avresti preso in considerazione l’idea di consultare uno psicologo. Il punto è: cosa può fare per te uno psicologo?

Pensiamo ad alcune situazioni comuni: la ricerca o la scelta di un lavoro; o anche la minaccia della perdita del lavoro, la scelta un nuovo corso di studi, o di un trasferimento in un’altra città; pensiamo alla fine di un rapporto sentimentale, la necessità di affrontare una malattia cronica, o un lutto. Ma ancora di più: a volte si può stare male senza sapere il perché, avere idee fisse, paure irrazionali, tristezza inspiegabile, attacchi di panico di cui è impossibile individuare la causa.

Prima o poi può capitare a chiunque. Può capitare di non riuscire a vedere vie di uscita, soluzioni, un modo per andare avanti. Lo psicologo, prima di tutto, ti aiuterà a mettere a fuoco il problema, o meglio: quegli aspetti del problema che non riesci a vedere con chiarezza, e dai quali invece dipende lo stato di confusione e di incertezza da cui non riesci a liberarti da solo.

Probabilmente ne hai parlato già con i tuoi familiari, o con i colleghi, o con qualche amico, ma non è stato sufficiente perché di fatto il tuo disagio non si è risolto.

Lo psicologo ti aiuterà a considerare le cose da un’angolazione a cui non avevate potuto pensare, ne tu né quelli che hanno cercato di aiutarti

pattern-2754005_960_720

Per vedere le cose da quella angolazione occorrono due requisiti: poter osservare dall’esterno — con un atteggiamento di partecipazione ma anche con la giusta distanza emotiva — e avere una specifica competenza a trattare i problemi degli altri. Questi due capacità sono caratterizzanti la professionalità specifica dello psicologo.

Vincere le resistenze

Rivolgersi a uno psicologo  è una decisione spesso presa con difficoltà: si può sentire il disagio di dover chiedere aiuto per problemi che si vorrebbe sapere risolvere da sé. A volte c’entra in qualche modo l’orgoglio. Spesso, quindi, si crea un “circolo vizioso”: si affronta la prospettiva di chiedere l’aiuto dello psicologo con le stesse emozioni di incertezza e di preoccupazione che si vivono rispetto al problema di vita che appunto porterebbe a chiedere quell’aiuto. Si tratta allora di fare un gesto di sana umiltà, riconoscendo che non c’è nulla da rimproverarsi se non si è riusciti a farcela da soli. Cercare e accettare aiuto quando è necessario è una condotta intelligente, e non c’è in essa nulla di cui vergognarsi.

pattern-2754010_960_720

Come lavora con noi lo psicologo?

La competenza tecnica di professionisti quali l’architetto, l’avvocato, il commercialista, è immediatamente intuitiva: quella dello psicologo lo è molto meno. Lo psicologo è uno studioso della vita mentale, e quindi delle emozioni e del loro rapporto con il pensiero, con la capacità di riflettere e di prendere decisioni; è un professionista dell’ascolto attivo, e il suo campo di intervento non è rivolto solamente ai disturbi del pensiero e del comportamento, ma si estende anche alle forme “comuni” del disagio emotivo e interpersonale.

Spesso quando si pensa alla consulenza psicologica o alla psicoterapia si immagina un tipo di intervento che agisce sull’individuo aiutandolo a disfarsi dei “difetti” o dei meccanismi che funzionando male originano sofferenza e disagio. Questa è una posizione troppo semplicistica e assai poco efficace, che rischia di essere sterile. Il nostro studio propone interventi in cui il “luogo” del problema viene individuato altrettanto nel rapporto tra le persone e con i contesti (lavoro, famiglia, vita sociale) che nella singola persona con il suo carattere, le sue qualità e i suoi difetti.

Aree di intervento

Malattie croniche

Malattie croniche

Le malattie croniche, quelle per cui non è possibile perseguire la guarigione, sono molte e molto diverse tra loro. Vien da pensare alle malattie...

Disturbi ossessivo-compulsivi

Disturbi ossessivo-compulsivi

I disturbi ossessivo-compulsivi rientrano nella categoria dei disturbi di ansia e sono caratterizzati da una alternanza di idee fisse, per lo più...

Disabilità

Disabilità

Come psicologi ci occupiamo della disabilità centrando l’intervento nei sistemi di convivenza. Sistemi pervasi da culture prima ancora che...

Ansia e angoscia

Ansia e angoscia

Questi due termini vengono spesso usati come sinonimi, e in effetti in inglese (anxiety) lo sono. In realtà è utile fare alcune distinzioni.Ansia...

Prenota un appuntamento